I rifiuti della plastica

I rifiuti della plastica

Quando si parla delle tematiche legate ai rifiuti la prima cosa che viene in mente è la plastica, essendo questo un elemento che negli ultimi anni ha aumentato in maniera esponenziale la sua produzione. Il problema della plastica è che è molto inquinante per l’ambiente e come per lo smaltimento rifiuti speciali, ditte specializzate come Nieco, pongono particolare attenzione alle fasi di smaltimento e riciclaggio di questo prodotto.

Smaltimento e riciclaggio della plastica

Alla base dell’evoluzione della raccolta differenziata c’è sicuramente lo smaltimento della plastica, infatti questo è un materiale che ha una lenta degradabilità; un contenitore di plastica può impiegare dai 100 ai 1000 anni per essere degradato.

Il suo smaltimento avviene attraverso il recupero e il riciclo essendo la plastica un materiale ottimo per ottenere nuovi prodotti, ma soprattutto fonti d’energia e calore.

Presentando la plastica diversi materiali, ognuno con caratteristiche specifiche, la prima divisione che viene fatta nella fase di riciclo riguarda i vari tipi di plastica.

Il processo di riciclaggio prevede lo scarto dei prodotti che possono essere riutilizzati e in seconda battuta la plastica viene rilavorata attraverso un processo termico che permetterà di ottenere nuove risorse.

I vari tipi di plastica

Quello della plastica è un mercato molto florido, infatti questo materiale viene usato in diversi settori e tra i suoi materiali troviamo: il polivinicloruro, polietilene tereftalato, il polietilene.

Polivinilcloruro (PVC)

Il PVC è una delle materie plastiche più usate al mondo soprattutto per la sua versatilità, infatti, viene usata per uso tessile ma soprattutto in ambito industriale ad esempio per fare le coperture mobili presenti su immobili come capannoni aziendali, i teli che coprono i tir e anche per fare infissi per le case.

Polietilene tereftalato (PET)

Il PET viene utilizzato soprattutto per quello che riguarda le acque minerali e tutti i liquidi che vengono inseriti all’interno di un contenuto di plastica come ad esempio succhi di frutta e latte.

Il suo principale utilizzo è quello alimentare essendo il PET molto leggero e inerte e impermeabile ai gas, come riportato dal Regolamento Europeo del 2011 riguardo ai materiali plastici.

Polietilene (PE)

Il materiale plastico più economico e più usato in natura è senza dubbio il PE, che presenta una forma solida e trasparente che lo rendono un perfetto isolante.

Viste le sue qualità, questo materiale viene usato soprattutto per la produzione di protezioni per cavi elettrici, per i vari contenitori e soprattutto per le buste di plastica.

Share this post:

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Recent Posts

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi